Premier League: un riepilogo statistico

Il campionato inglese sarà il terzo tra i campionati top europei a ripartire e lo farà mercoledì 17 giugno. In testa alla classifica, il Liverpool sembra aver già messo la parola “fine” alla corsa per il titolo, mentre a dir poco avvincente è la bagarre per la conquista del 3° e del 4° posto, con almeno 7 squadre coinvolte. In zona retrocessione rischia grosso il fanalino di coda Norwich.


Cronaca di una Premier League annunciata

Il campionato inglese – dominato prima dell’interruzione per la pandemia dal Liverpool di Jurgen Klopp – sarà il terzo tra le top leagues europee (dopo Germania e Spagna) a ripartire e lo farà mercoledì 17 giugno con due recuperi: Aston Villa-Sheffield United e Manchester City-Arsenal.

La 30esima giornata si giocherà invece tra il 19 e il 21:

Friday June 19
Norwich vs Southampton
Tottenham vs Manchester Utd
Saturday June 20
Watford vs Leicester
Brighton vs Arsenal
West Ham vs Wolves
Bournemouth vs Crystal Palace
Sunday June 21
Newcastle vs Sheff Utd
Aston Villa vs. Chelsea
Everton vs Liverpool
Monday June 22
Manchester City vs Burnley

L’auspicio è di terminare il campionato entro il 2 agosto, per poi giocare la finale di FA Cup nel weekend tra l’8 e il 9 agosto.

Classifica Premier League

Premier League Table
Fonte: Soccerment Analytics

Dopo i due recuperi del 17 giugno, tutte le squadre avranno giocato 29 partite e ne avranno di fronte altre 9 per concludere la Premier 2019/2020.

Intanto, la testa della classifica è saldamente nelle mani del Liverpool: 82 punti, frutto di 27 vittorie, un pareggio e un solo ko, il 3-0 incassato in casa del Watford lo scorso 29 febbraio. Sconfitta che, curiosamente, è arrivata proprio dopo la lettera scritta da un bambino tifoso dello United a Klopp, nella quale chiedeva all’allenatore tedesco di smettere di vincere.

Nonostante un SPR – Soccerment Performance Rating, l’algoritmo proprietario che Soccerment utilizza per misurare le prestazioni – superiore rispetto al Liverpool (57 vs. 55), il Manchester City campione in carica è secondo con 25 punti di distacco (e una partita da recuperare). Il nostro SPR è in linea con la maggior parte dei modelli basati sugli Expected Goals, che mostrano un indice più alto di “Expected Points” per il City rispetto ai Reds.

Man City che è seguito in classifica da una delle sorprese della stagione, il Leicester (SPR di 53), che è dietro di soli quattro punti. Se diamo per scontato che il City manterrà il secondo posto, la battaglia per il terzo e il quarto si gioca tra Leicester, Chelsea (SPR di 52), Manchester United (SPR di 51), Wolverhampton Wanderers (SPR di 51), Sheffield United (SPR di 50), Tottenham Hotspur (SPR di 50) e Arsenal (SPR di 49), i cui valori di SPR rispecchiano fedelmente la posizione in classifica. In zona retrocessione rischia grosso il Norwich (SPR di 48), nonostante abbia performato meglio delle dirette concorrenti per evitare la discesa in Championship: Bournemouth e Aston Villa hanno infatti entrambe un SPR di 46. Di nuovo, anche questo è in linea con i modelli basati sugli Expected Goals.

Rankings: Squadre

Facendo una panoramica sui principali ranking, notiamo che, nonostante il suo dominio, il Liverpool di Klopp è primo solo per quanto riguarda Assist (53) e Gol Conversion (19.94%); in quasi tutte le altre metriche è il City di Guardiola a farla da padrone, rispetto a Gol (68), Tiri 541 di cui 192 in porta), Occasioni create (421), Passaggi Totali (18.927), Precisione dei passaggi (88.9%, marchio di fabbrica dell’allenatore catalano) e Possesso palla (65%).

Premier League team rankings
Fonte: Soccerment Analytics

Per quanto riguarda invece la Precisione di tiro, i Dribbling riusciti e i Contrasti aerei vinti, questi indici sono rispettivamente guidati da tre outsider che solitamente non navigano ai piani alti della classifica: West Ham, Wolverhampton e Burnley.

Se vuoi approfondire i ranking, accedi ai dati o clicca sull’immagine.

Rankings: Giocatori

Al termine delle prime 29 giornate di campionato è Jamie Vardy del Leicester il leader della classifica marcatori della Premier, con 19 centri all’attivo. SeguonoPierre-Emerick Aubameyang a quota 17 e, con 16 gol ciascuno, Sergio Aguero e Mohamed Salah.

Il re degli Assist è invece Kevin De Bruyne del City, che con 16 assist lascia a 4 lunghezze di distanza il terzino dei Reds Trent Alexander-Arnold. Non contento, il centrocampista dei Citizens si prende anche lo scettro per i l maggior numero di Passaggi filtranti (23), Occasioni create (96) e Visione di gioco (93).

Premier League rankings: players

Non a caso, De Bruyne è anche il calciatore della Premier con l’SPR più alto (64), davanti al suo compagno di squadra Kun Aguero (63) e al portiere dei Reds Alisson (63).

Premier League player rankings. SPR and Performance Indexes
Fonte: Soccerment Analytics

Clicca sulle immagini per le statistiche dettagliate.

La Top 11 della Premier League

Premier League Top 11

Questa è invece la Top 11 (4-3-3) selezionata dagli algoritmi di Soccerment, dominata senza sorprese dalla presenza di giocatori del Liverpool (4) e del Manchester City (5).

Il blocco difensivo è quasi interamente dei Reds, dal portiere Alisson ai difensori van Dijk e Robertson. Le chiavi del centrocampo sono invece affidate al City, nello specifico agli occhi e ai piedi di De Bruyne e Rodrigo.

Tra gli outsider, il difensore del Leicester Söyüncü è quello con l’SPR più alto (59) anche se di poco rispetto al centrocampista dei Blues Jorginho (58).

Liverpool: i possibili record

Riuscirà il Liverpool a mantenere i numeri impressionanti che ha sfornato tra settembre e marzo? Sicuramente lo stop forzato causa pandemia potrebbe avere delle ripercussioni in tal senso, certo è che se si guardano i dati (in blu) su base “per-90-minuti” registrati nelle tre fasi di gioco (Difesa, Costruzione, Attacco) finora, il confronto con la media (in grigio) delle squadre della Premier mette sul tavolo una superiorità definitiva.

Liverpool stats

Certo è che, se ce la farà, i Reds potrebbero tagliare traguardi potrebbero arrivare a vincere il titolo – che non viene festeggiato dalla Kop dal 1990 – con ben 7 giornate d’anticipo.

Il che sarebbe quasi un record nei top 5 campionati d’Europa, dato che un successo così ampio si è verificato solamente due volte:

  • la prima nella stagione 2015/2016, in cui toccò al Paris Saint-Germain siglare la vittoria più netta con 8 partite d’anticipo
  • la seconda è invece targata Bayern Monaco 2013/14, quando ci riuscì a 7 turni dalla fine.

Se il Liverpool vincerà le prossime due partite diventerà campione nella 31a giornata della Premier League, in corrispondenza della partita casalinga contro il Crystal Palace.

Ma i record mettere nel mirino non si concludono di certo; sono ancora possibili i record di:

  • punti totalizzati in un singolo campionato: oggi appartenente proprio al City di Guardiola, che ne ha fatti 100 nella stagione 2017/2018. Attualmente, il Liverpool può arrivare a 109.
  • vittorie in un campionato: il Manchester City ne ha ottenute 32 lo scorso anno, essenziali a battere il Liverpool. Ora i Reds sono a 26.
  • vittorie in casa: fin qui sono 14, a 5 da battere il record di Premier League.
  • vittorie in trasferta: 12 successi fuori casa per il Liverpool, ne mancano cinque per superare il City 2017/2018

Per rimanere informato sulla nostra ricerca e sullo sviluppo dei nostri dispositivi, fai clic sul pulsante in basso e, se non l’hai ancora fatto, iscriviti a Soccerment Analytics. Promesso: no spam!


La registrazione è “troppo” ma vorresti comunque rimanere in contatto? Metti un “like” alla nostra pagina Facebook e seguici su Instagram e Twitter.

Per ogni domanda, suggerimento o commento, scrivici un’email: research@soccerment.com.