Wonderkids: Curtis Jones

Nonostante abbia iniziato da poco a giocare con continuità, è già chiaro che tipo di calciatore sia Curtis Jones. È esploso quando la prima squadra del Liverpool è incappata in una serie critica di infortuni. Ha impressionato grazie alla sua freddezza e ai suoi passaggi, con cui non ha fatto sentire la mancanza dei giocatori titolari. La sua vera sfida, nel prossimo futuro, sarà quella di ritagliarsi un posto in squadra, anche quando Jurgen Klopp avrà tutti i titolari a disposizione a centrocampo.

Curtis Jones Liverpool Soccerment png

Biografia e stile di gioco

Un nuovo ragazzino sotto la Kop

Curtis Julian Jones è nato il 30 gennaio 2001 a Liverpool. È il più giovane di 4 fratelli, e da piccolo giocava a pallone per strada prima di entrare nel settore giovanile del Liverpool a 9 anni.

A livello giovanile, Jones ha mostrato classe e freddezza a vari livelli. Mentre progrediva nell’Academy, è stato notato dall’allenatore dell’U18 e bandiera del club Steven Gerrard, che ha reso Jones un punto cardine della squadra. Jones ha così attirato l’interesse da parte dei due club di Manchester, poi rifiutati per vestire la maglia dei Reds , con i quali firma il primo contratto da professionista esordendo all’inizio del 2019.

Passaggi precisi

Profilo
Statistiche stagionali
Statistiche avanzate & tool di comparazione

Curtis Jones è alto 185 cm e pesa 75 kg (Indice di Massa Corporea di 21.9). È abbastanza veloce ed agile considerata la sua altezza, e tende ad usare le sue capacità tecniche per evadere la pressione avversaria anche in situazioni intricate, mostrando maturità per la sua età.

Jones ha eccellenti doti di passaggio: registra alti volumi di passaggi (54.6 P90 nella metà campo avversaria) con una eccellente precisione (92.1% nella sua metà campo, 91.4% nella metà campo avversaria). In questa stagione, è il giocatore fra gli U20 con la precisione più alta nella metà campo avversaria. Se consideriamo tutti i centrocampisti del nostro database – a prescindere dall’età – è il 4° classificato in questa categoria, marginalmente dietro il suo compagno Wijnaldum (92.3% vs 92.5%).

PlayerTeamPassing accuracy in the opp. half
F. BeltránCelta94.0%
ArthurJuventus92.7%
G. WijnaldumLiverpool92.5%
C. JonesLiverpool92.3%
A. WitselBorussia D.91.5%
Dati relativi al solo campionato | Giocatori con più di 270 minuti

Grazie a queste eccezionali statistiche, Curtis Jones ha il 3° indice di Passaggi fra gli U20, il primo nei 5 principali campionati, come mostrato nella tabella sotto. Segnaliamo, tuttavia, che questo numero non è particolarmente alto in termini assoluti (data la quantità di passaggi e la precisione, uno potrebbe aspettarsi un Indice di Passaggi ancora maggiore), cosa che è dovuta principalmente a due fattori: 1) Jones passa spesso in orizzontale (poco meno del 60% dei suoi passaggi); 2) prova pochi passaggi lunghi a partita (2.4 P90, contro una media del ruolo di 4.8).

Grafico a dispersione con gli Indici di Performance di Soccerment relativi a Passaggi e Visione di gioco dei giocatori U20
Grafico a dispersione con gli Indici di Performance di Soccerment relativi a Passaggi e Visione di gioco dei giocatori U20

Jones ha caratteristiche ben bilanciate: oltre ai passaggi, ha un buon controllo di palla (12.1 palle perse P90 contro 15.8 di media del ruolo) ed un buon dribbling (ne completa 1.59 a partita).

In fase difensiva il suo contributo è paragonabile a quello di un centrocampista centrale medio, con l’eccezione dei 7.04 recuperi palla P90 (4° giocatore di movimento al Liverpool) ed una percentuale di contrasti vinti molto bassa (43.8%).

Curtis Jones ha molti margini di miglioramento offensivi. Tira poco (1.7 P90) e crea relativamente poche occasioni (0.8 P90). Questo è dovuto molto al suo ruolo, visto che quando ha avuto l’occasione di avvicinarsi alla porta (spesso in Champions League) ha notevolmente aumentato la sua produzione offensiva .

Jones ha iniziato la sua carriera nelle giovanili come trequartista o come ala, però da professionista ha giocato prevalentemente come centrocampista centrale nel 4-3-3 di Klopp. La sua qualità e le sue doti di passaggio lo rendono molto adatto in quella posizione, dove assume il ruolo di playmaker mobile oppure di mezzala. È entrato a far parte di una squadra che ha patito una lunga serie di infortuni, diventandone un elemento importante e aiutandola a rimanere in testa al campionato ed al girone di Champions League.

Curtis Jones Heatmap

Curtis Jones mostra poca partecipazione diretta ai gol della squadra rispetto alla sua posizione. Questa non accadeva a livello giovanile quando giocava in ruoli più avanzati, ma finora nel calcio professionistico l’output è stato piuttosto contenuto. Questo è principalmente dovuto al ruolo affidatogli, che da priorità alla distribuzione della palla piuttosto che alla creazione di occasioni, come visto anche con altri centrocampisti dei Reds. Un motivo è la presenza di Robertson ed Alexander-Arnold, terzini che spingono molto in alto per creare tante occasioni dalle fasce laterali. Questo significa che Curtis Jones potrebbe aumentare i gol piuttosto che gli assist, se riuscisse a farsi trovare pronto sui loro cross in area. Come mostrato nella tabella in basso, è comune fra i centrocampisti del Liverpool creare poche occasioni. Le 1.6 occasioni create P90 da Milner (che batte anche i calci piazzati) sono l’eccezione e non la regola.

Tabella con le statistiche chiave di Jones e dei centrocampisti del Liverpool
Fonte: Soccerment Analytics | Dati relativi al campionato | stagione 2020/21

Potenziale e prospettive

Grande impatto, ma il difficile è confermarsi

Da un lato, non si può non apprezzare come Curtis Jones si sia velocemente inserito nella formazione titolare di un top club. Dall’altro lato, le sue prestazioni hanno evidenziato che ci sono aspetti sui cui può significativamente migliorare. Secondo noi dovrebbe lavorare sulle sue capacità difensive, rafforzandosi per diventare più completo oltre che per ottimizzare le sue qualità da regista: tenta spesso il passaggio facile in orizzontale (circa il 60% delle volte), cosa che migliora la sua precisione ma che potrebbe rallentare la velocità di manovra.

Offensivamente, dovrebbe migliorare negli inserimenti in area, oltre a lavorare ulteriormente sul dribbling per diventare una mezzala d’élite (pensiamo che le sue caratteristiche gli precludano un ruolo da centrocampista box-to-box).

Giocherà quando torneranno i titolari?

Curtis Jones sembra funzionale al 4-3-3 di Klopp ed ha giocato parecchi minuti beneficiando della serie di infortuni abbattutasi sul Liverpool quest’anno. Questo contesto probabilmente cambierà, visto che è in concorrenza con giocatori di classe mondiale come Thiago Alcantara e Wijnaldum.

Comunque, la stagione 2020/21 verrà ricordata come più unica che rara, con tante partite racchiuse in un periodo molto ristretto: questo consentirà a Jones di giocare comunque numerose partite anche come titolare. Dopotutto, ha dimostrato di avere il talento necessario per giocare sia in Premier League che in Champions League. Inoltre, nei prossimi mesi sarà importante per lui valutare cosa può migliorare, oltre ad assimilare il massimo possibile da una rosa e da uno staff di livello mondiale.

Analisi SWOT

PUNTI DI FORZA

– Passaggi (>90% precisione nella metà campo avversaria)
PUNTI DI DEBOLEZZA

– Tackle (>45% di successo)
OPPORTUNITÀ

– Imparare dai campioni
– Vincere trofei
MINACCE

– Minutaggio ridotto quando torneranno i titolari

Il trasferimento è da escludere, il prestito no

Nato e cresciuto a Liverpool giocando sempre per i Reds, è difficile immaginare Jones con una maglia diversa. Non è solo il legame con i Reds che rende improbabile una sua partenza ma, come già detto, il fatto che le sue caratteristiche sono esattamente quelle di cui la squadra ha bisogno.

L’unico rischio che corre riguarda la concorrenza per una maglia da titolare, visto che gioca probabilmente nel miglior club al mondo: per giocare dall’inizio dovrebbe farsi preferire a giocatori del calibro di Thiago, Wijnaldum o Henderson. Quindi, seppur sarà improbabile che mantenga un posto da titolare, con una stagione insolita come questa Jones avrà ancora molte occasioni per giocare, specialmente se continua a mantenere alto il livello delle sue performance. A rinforzare questa considerazione c’è il rinnovo di contratto firmato a luglio attraverso la sua agenzia, Midas Sports, che lo legherà ai Reds fino a giugno 2025.

Tuttavia, se la concorrenza diventasse troppa ed il minutaggio troppo poco, il giocatore potrebbe considerare un trasferimento in prestito.


Questa analisi è parte del nostro ‘Wonderkids: 2021 Outlook‘. Trovi qui il link per il download gratuito. Disponibile anche in versione cartacea.