Wonderkids: Nuno Mendes

Nuno Mendes, classe 2002, è un esterno sinistro che gioca per lo Sporting Lisbona, dove sta brillando per dinamismo, personalità, capacità di dribbling e supporto alla difesa. La produzione offensiva, tuttavia, resta finora scarsa, con un solo gol e zero assist in 19 partite (anche gli xG e xA sono molto bassi). Anche se ci sono dubbi sulla sua adattabilità a una difesa a quattro e a un campionato più impegnativo, è comunque considerato uno dei giovani portoghesi più promettenti – come peraltro dimostrato dal grande interesse internazionale intorno a lui.

Nuno Mendes Sporting CP Lisbon Soccerment png

Biografia e stile di gioco

Verde e bianco‘ da quando aveva 10 anni

Nuno Alexandre Tavares Mendes nasce a Sintra, Portogallo, il 19 giugno 2002. Inizia a giocare nella squadra della sua cittadina, trasferendosi poi allo Sporting Lisbona a soli dieci anni.

Ad un certo punto della sua carriera giovanile, lo Sporting affronta diversi problemi finanziari e comunica a Mendes l’impossibilità di continuare a mantenerlo. Fortunatamente, uno dei vecchi soci crede nelle sue qualità e decide di sostenere il giocatore di tasca propria.

Nazionale portoghese fin dall’under 16 e attualmente membro dell’under 21, Mendes debutta con lo Sporting il 12 giugno 2020.

Centrocampista una volta, centrocampista per sempre?

Profilo
Statistiche stagionali
Statistiche avanzate & tool di comparazione

Laterale sinistro, Nuno Mendes impressiona per le sue qualità difensive, in particolare se confrontato con il terzino sinistro medio. Ha ancora qualche lacuna, ma a conti fatti siamo rimasti colpiti dalle sue prestazioni in fase di non possesso, soprattutto se consideriamo che ha iniziato la carriera da trequartista.

In effetti, le sue statistiche per 90 minuti assomigliano ancora a quelle di un centrocampista. Ad esempio, mentre i terzini tentano il passaggio filtrante in media 0.03 volte, Nuno Mendes ne gioca 0.12, esattamente come il centrocampista medio.

I recuperi P90 sono 5.4, poco più di un terzino. Nel campionato attuale è terzo assoluto per intercetti: già 28, dietro al suo compagno Luis Neto e Fabio Pacheco della Moreirense. Clicca qui per la lista completa.

Un altro punto di forza è il dribbling, caratteristica fondamentale per i laterali moderni. È terzo tra i difensori per dribbling totali, anche se la percentuale di successo (53.8%) non è entusiasmante.

Anche se deve ancora lavorarci molto sopra, Nuno apporta un buon contributo alla fase di costruzione. Con il 70% di precisione passaggi nella metà campo avversaria e 1.23 occasioni create P90 è ampiamente al di sopra dei colleghi di pari età, ed è paragonabile a diversi esterni di alto livello. Alla luce di ciò, è sorprendente vedere che gli Expected Assist di Nuno sono solo 0.08 P90 (0.09 nella stagione attuale).

Ulteriore evidenza di ciò la fornisce la tabella qui sotto, dove confrontiamo gli esterni delle prime quattro squadre del campionato portoghese (Sporting, Benfica, Porto e Braga).

Nuno Mendes - Statistiche chiave dei terzini dei 4 top club della Primeira Liga portoghese
Statistiche chiave dei terzini dei top club della Primeira Liga (dati 2020/21)

In volo sulla fascia sinistra, con un occhio al centro del campo

Anche se Mendes ha iniziato a giocare come trequartista, è diventato presto un terzino sinistro (anche difensore centrale, all’occorrenza). Le scelte tattiche di mister Ruben Amorim hanno portato Nuno a giocare da professionista solamente da esterno sinistro di centrocampo nel 3-4-3.

La sua struttura fisica lo rende molto adatto al ruolo, consentendogli di stare largo ed attaccare lo spazio alle spalle della difesa avversaria, sia con la palla che senza.

Grazie ad una buona tecnica spreca raramente il possesso e riesce ad andare spesso in verticale (un terzo dei passaggi totali), risultando fondamentale per la costruzione del gioco. Anche il contributo difensivo è cruciale, grazie al gran numero di uno contro uno vinti (6 P90) e di intercetti, con cui ferma l’attacco avversario dando potenzialmente vita ad un contropiede.

Questi dati vanno tuttavia pesati con le poche responsabilità da cui il ruolo attuale lo solleva rispetto ad un terzino sinistro. In particolare, la percentuale relativamente bassa di contrasti riusciti potrebbe essere un problema se giocasse in una linea a quattro.

Nuno Mendes Heatmap

Potenziale e prospettive

Uno dei pochi esterni wonderkids in Europa

Nuno Mendes ha delle qualità importanti per un diciottenne: è insolito vedere un bilanciamento tale di abilità fisiche, tecniche e difensive in un giocatore tanto giovane.

Il cammino per diventare un top player è comunque ancora lungo. Crediamo che non sia ancora maturo in termini di consapevolezza tattica e capacità di prendere decisioni, problema comune in particolare ai giocatori provenienti dal campionato portoghese.

Detto ciò, Nuno è uno dei pochi terzini che il nostro algoritmo classifica come wonderkid. Segue la lista completa.

Full nameAgeSPRClub
A. Davies2059Bayern M.
M. Bakker2052Paris SG.
R. Ait Nouri1947Wolverhampton
N. Mendes1841Sporting CP

Lo Sporting ha un’importante tradizione nello sviluppo dei giocatori

Rui Patrício, João Moutinho, Nani, Luis Figo, Cristiano Ronaldo: il settore giovanile dello Sporting è uno dei più rinomati in Europa. Giocatori come Mendes, che vengono da otto stagioni nell’”Academia”, hanno addosso una sorta di marchio di qualità.

In più, essere un titolare indiscusso della squadra in testa alla Primeira Liga potrà solo aiutarlo a crescere in esperienza e autostima. Secondo i nostri calcoli, ha giocato oltre il 90% dei minuti in cui era a disposizione nella stagione in corso.

Analisi SWOT

PUNTI DI FORZA

– Intercetti (3.02 P90)
– Dribbling (1.73 dribbling riusciti P90)
PUNTI DI DEBOLEZZA

– Fase offensiva (0.08 xA P90 / 0.07 xG P90)

OPPORTUNITÀ

– Migliorare la consapevolezza tattica
MINACCE

– Il passaggio ad una difesa a quattro prima di essere maturo
Dati relativi alle ultime due stagioni

Addio a Lisbona in estate?

Come per molti giovani talenti portoghesi che iniziano a giocare regolarmente, le voci di mercato sono state una costante per Nuno Mendes in questa prima parte di stagione. Il Liverpool e il Manchester United sembrano essere le più interessate, ma pare che anche il Milan, la Juventus e il Real Madrid stiano considerando l’affare.

Lo Sporting cercherà di trattenere il giocatore fino a giugno per continuare a lottare per il titolo nazionale, anche se sarebbe difficile dire no ad un’offerta importante. Per proteggerne il valore, lo scorso 19 dicembre il club ha raggiunto un accordo col giocatore per un contratto quinquennale (salario lordo di €240.000 annui secondo Capology, terzo rinnovo di contratto in meno di un anno da professionista) con una clausola rescissoria di €70 milioni.


Questa analisi è parte del nostro ‘Wonderkids: 2021 Outlook”. Trovi qui il link per il download gratuito. Disponibile anche in versione cartacea.