Wonderkids: Rayan Aït-Nouri

Rayan Aït-Nouri è uno dei terzini sinistri più promettenti d’Europa. Dopo un inizio carriera impressionante in Ligue 1, all’Angers, è andato in prestito con diritto di riscatto ai Wolverhampton Wanderers, in un trasferimento orchestrato dal potente procuratore Jorge Mendes. Adattarsi alla Premier League può essere difficile per un giovane della sua età e, dopo un esordio da sogno, con gol, ha faticato nelle successive partite. Ma ultimamente le sue performance sono tornate su buoni livelli e sembra pronto a lottare per un posto da titolare nei Wolves.

Rayan Ait-Nouri Wolverhampton Wolves Soccerment png

Biografia e stile di gioco

Sull’Eurostar

Rayan Aït-Nouri è nato a Montreuil, vicino Parigi, il 6 giugno 2001 da una famiglia di origine Algerina. Ha giocato per diverse squadre a livello giovanile nelle periferie della capitale, fino ai 13 anni quando si trasferisce al Paris FC.

Viene notato da uno scout dell’Angers, che convince il proprio presidente a pagare €5.000 per Rayan dato il suo eccezionale talento, andando contro la linea societaria (che voleva che non si pagassero soldi per i giovani). Ha fatto il suo debutto professionistico nell’agosto 2018 per l’Angers.

È stato preso dal Wolverhampton in prestito con diritto di riscatto ad inizio ottobre 2020.

Terzino moderno o terzino fluidificante?

Profilo
Statistiche stagionali
Statistiche avanzate & tool di comparazione

Aït-Nouri è alto 179cm e pesa 70kg (Indice di Massa Corporea di 21.8). È un giocatore agile con una discreta velocità.

Possiede un controllo palla eccellente ed è abile nel dribbling, cosa evidente sin dalle giovanili.

I suoi numeri sul dribbling sono molto buoni, si adattano a quello che è richiesto a terzini ed esterni moderni. Tenta 2.81 dribbling P90, completandone il 60% (1.68 P90). Preferisce usare il sinistro, con cui è capace di completare 0.9 cross a partita (il triplo della media del ruolo) con una eccezionale precisione (31.9%). Le sue doti di passaggio sinora si sono dimostrate all’altezza: ha una precisione sopra la media soprattutto nella metà campo avversaria (75.4% vs 65.4% di media).

Difensivamente, ha pregi e difetti. In carriera ha vinto il 75% dei tackle provati; questi numeri derivano da una stagione molto buona in Ligue 1 (75.9%), mentre all’inizio della stagione 20/21 di Premier League ha faticato difensivamente, con percentuali intorno al 60%. Col prosieguo della stagione, è costantemente migliorato sino ad arrivare ad una percentuale di 71.4% alla fine del 2020. Ha recuperato più palloni della media sia in Francia che in Inghilterra (6.02 contro i 5.16 di media per il ruolo). Tuttavia, è leggermente sotto la media per altre abilità difensive come gli intercetti e le spazzate.

Questo potrebbe derivare da una mancanza di concentrazione e di consapevolezza difensiva, cosa abbastanza comune per un giocatore della sua età. Non siamo preoccupati visto che dimostra ampi margini di miglioramento, specialmente se si tiene in considerazione il percorso che sta portando avanti nel Wolverhampton.

A livello di gioco aereo, le statistiche di Nouri sono paragonabili a quelle di altri terzini; ancora una volta, però, i numeri sono ottim per il periodo in Ligue 1 (72% di duelli aerei vinti) ed insufficienti in Premier League (25% di duelli aerei vinti).

Stats per 90 minutes2019/202020/21
Dribbling riusciti1.331.88
Dribbling riusciti (%)52.8%60.0%
Tackle vinti (%)75.9%71.4%
Recuperi6.935.15
Intercetti1.261.13
Spazzate1.750.88
Duelli aerei vinti (%)72.0%25.0%
Precisione nella metà campo avversaria (%)70.2%79.1%
Precisione passaggi lunghi (%)36.6%26.3%
Percentuale di passaggi in avanti42.9%32.2%

L’adattamento alla Premier League

Aït-Nouri ha iniziato la sua carriera da professionista come terzino sinistro all’Angers, giocando in un 4-1-4-1. Il suo trasferimento ai Wolves lo ha portato a giocare da terzino o da terzino fluidificante in una difesa a 4 ed in una difesa a 3. I Wolves tendono a rimanere col baricentro basso per poi ripartire in contropiede grazie alla velocità ed alla bravura di giocatori come Neto, Traore o Podence.


È risaputo che l’’allenatore Nuno Espirito Santo ha una particolare fiducia nei giovani, e con Aït-Nouri non fa eccezione. Il giovane francese è stato sfidato ad adattarsi in fretta e a colmare le sue lacune difensive nel campionato più competitivo del mondo; sfida che sembra sia stata positivamente accettata.

All’Angers, ad Aït-Nouri veniva richiesto di provare lanci lunghi più spesso di quanto succeda ai Wolves (5.18 vs 2.38 P90). In particolare, la sua precisione nel 20/21 è stata bassa (26.3% contro 40.4% di media). Questo sembra in linea con le caratteristiche di Aït-Nouri; preferisce giocare veloci uno-due oppure puntare l’uomo per crearsi lo spazio e crossare. Il sistema utilizzato dai Wolves lo ha portato ad effettuare passaggi più sicuri, come riscontrabile nella sua percentuale di passaggi in avanti, passata dal 42.9% della stagione 19/20 al 32.2% in Premier League.
Quando gioca da terzino fluidificante può spingere di più e diventare un pericolo ulteriore sui cross provenienti dall’altra fascia, come visto al debutto con i Wolves. Solo il tempo ci dirà se tutto questo sia stato un caso oppure un assaggio di quello che verrà.

Quel che è sicuro è che la competizione nel suo ruolo è abbondante, pur avendo caratteristiche diverse rispetto a Marçal e Jonny (attualmente infortunato).


Potenziale e prospettive

Esperienza preziosa

Dal nostro punto di vista, Aït-Nouri ha tutte le caratteristiche per diventare un terzino o un fluidificante forte, sia in una difesa a 4 che in una difesa a 3. La sua capacità di combinare tecnica, cross e velocità lo rendono il tipo di terzino tanto richiesto nel calcio moderno. Le sue fragilità difensive stanno velocemente diminuendo, lasciandoci l’impressione che con l’età e la conseguente maturità potrà diventare un terzino completo.

Secondo il nostro modello, il Soccerment Performance Rating (SPR) di Aït-Nouri dovrebbe aumentare circa del 2% nei prossimi 12 mesi. Il suo tasso di crescita è limitato principalmente dalla concorrenza per una maglia da titolare.

Aït-Nouri è arrivato ad ottobre, con la stagione già iniziata. Ha dovuto adattarsi velocemente alla Premier League ed alla sua nuova squadra, giocando in ruolo leggermente diverso da quello che aveva all’Angers. Nuno Santo lo ha usato principalmente da esterno ma lo ha schierato anche da terzino in un 4-2-3-1 in partite più recenti. La squadra ha un buon mix di giocatori giovani e di esperienza, nella quale Aït-Nouri ha diversi concorrenti per il suo ruolo, soprattutto Jonny – l’anno scorso titolare – quando ritornerà dal suo infortunio. In compenso, la sua assenza ha permesso a Nouri di avere diverse chance di giocare con continuità; un fattore senz’altro importante per la sua crescita. Ora deve consolidare il suo posto nella rosa e diventare un titolare.

Analisi SWOT

PUNTI DI FORZA

– Cross (31% di precisione)
– Dribbling (1.7 dribbling riusciti P90)
PUNTI DI DEBOLEZZA

– Precisione passaggi lunghi (34%)

OPPORTUNITÀ

– Giocare con continuità da terzino fluidificante

MINACCE

– Competizione interna
– L’incertezza circa il suo prestito

Verrà riscattato?

Aït-Nouri è stato preso dai Wolves in prestito ad ottobre 2020. Il prestito include un diritto di riscatto per €22 milioni. Le aspettative su di lui erano alte, ma con l’incertezza derivante dallo scoppio della pandemia è ancora da vedere se verrà esercitata l’opzione nel suo contratto, oppure se i due club proveranno a rinegoziare le condizioni.

Un futuro oltre i Wolves è sicuramente possibile dato il talento del giocatore ed il potere contrattuale del suo agente Jorge Mendes, e a maggior ragione se proseguirà nel suo percorso di crescita. Deve ancora debuttare per la nazionale maggiore, che dovrà scegliere fra Algeria e Francia avendo rappresentato la seconda a livello giovanile. Se i Wolves dovessero acquistarlo, probabilmente proveranno a ritoccargli lo stipendio che percepiva all’Angers (poco sopra i €270.000 lordi annui, secondo Capology).


Questa analisi è parte del nostro ‘Wonderkids: 2021 Outlook”. Trovi qui il link per il download gratuito. Disponibile anche in versione cartacea.